• Home
  • Il social lending nell’ecosistema fintech

Il social lending nell’ecosistema fintech

Path Station al One World Trade Center di Manhattan (New York)
Path Station al One World Trade Center di Manhattan (New York) - Christian Heeb/laif

Ci sono i prestatori, lenders, e i richiedenti, borrowers. Il resto lo fa la piattaforma on line. I borrowers inoltrano la richiesta di un finanziamento – un prestito personale – e se hanno tutti i requisiti necessari gli viene proposto un tasso di interesse che può variare a seconda del rating assegnato e dell’offerta disponibile in quel momento. I lenders, dal canto loro, investono il proprio capitale scegliendo tra le diverse categorie di rischio e la piattaforma suddivide la somma in piccole quote tra diversi borrower, per diversificare il rischio. Il credito viene erogato tramite bonifico bancario e chi lo riceve lo restituisce attraverso rate periodiche.

È il P2P Lending, il prestito on line tra privati già molto diffuso in Gran Bretagna e Stati Uniti e in costante crescita anche nel nostro paese. Secondo gli ultimi dati del Politecnico di Milano, nei primi sei mesi del 2018,  in Italia i volumi hanno già superato quanto registrato per l’intero 2017. Il lending ha raccolto oltre 94 milioni di euro, portando i volumi complessivi a 216,9 milioni;   il numero totale dei finanziamenti erogati attraverso le piattaforme è stato pari a 22.335, mentre il numero dei prestatori ha sfiorato le 11.850 unità e nel medio termine ci si aspetta un ulteriore significativo aumento dei volumi erogati.

Ora allo sviluppo di questo settore contribuirà anche un’altra novità. Sella, infatti, nell’ambito della propria strategia di sviluppo nel fintech, ha acquisito Smartika Spa, la prima società a operare in Italia nel peer-to-peer lending. Con questa operazione, che si integra e contribuisce a costruire l’ecosistema fintech che Sella sta promuovendo, infatti, il Gruppo intende favorire ulteriormente lo sviluppo del P2P Lending, nel quale è già presente anche con una quota di minoranza di Prestiamoci Spa.

Ecco i dettagli dell’operazione. La capogruppo Banca Sella Holding ha acquisito tramite un aumento di capitale una partecipazione di controllo pari a circa l’85% di Smartika Spa, società fondata nel 2007. Il valore complessivo dell’aumento di capitale è stato di 3,5 milioni di euro, sottoscritti in parte anche dai soci storici della società. In seguito all’acquisizione, Smartika Spa entra a far parte del Gruppo Sella, che nomina un nuovo Cda. Nelle prossime settimane sarà nominato anche il nuovo management, che avvierà l’integrazione e l’ulteriore sviluppo della piattaforma e del servizio di P2P Lending nell’ambito dell’ecosistema fintech promosso dal Gruppo.

Attualmente i lenders sulla piattaforma di Smartika sono oltre 6.400 e dal 2008 sono stati erogati più di 5.400 prestiti, per un totale di circa 30 milioni di euro.

giovedý 26 luglio 2018

NEWS

Leggi il notiziario Sole 24 Ore - Radiocor ╗