• Home
  • A Bologna startup e imprese si incontrano in banca

A Bologna startup e imprese si incontrano in banca

I locali della succursale Banca Sella di Bologna in via Corticella
I locali della succursale Banca Sella di Bologna in via Corticella -

Contaminazione. Favorire uno scambio di idee e competenze per generare valore e dare nuovo slancio all’imprenditoria, tradizionale e digitale. È l’open innovation, una fase storica nuova, caratterizzata da piattaforme ed ecosistemi aperti, in cui l’innovazione dei modelli di business, dei processi, dei servizi e dei prodotti passa sempre più attraverso la collaborazione - e la contaminazione reciproca, appunto - tra imprese, startup, università, incubatori, giovani talenti e soggetti che possono svolgere il ruolo di abilitatori.

È il caso di Bologna, dove è in corso proprio un esperimento di questo tipo: un ecosistema in grado di creare scambio di idee e sapere tra le imprese d'eccellenza del settore manifatturiero tradizionale e startup innovative, anche grazie al ruolo di abilitazione svolto da una banca.

Prosegue infatti «Emilia 4.0 1st Wave Tour», il programma di scouting sviluppato da dPixel per Confindustria Emilia e con la partecipazione di Barcamper Ventures. Gli incontri tra startup e imprese si stanno svolgendo in questi giorni nella succursale di Banca Sella a Bologna.

In questa fase del programma le startup selezionate hanno l’opportunità di entrare in contatto direttamente con imprenditori ed eccellenze produttive della regione, confrontarsi con loro in incontri «one to one» di approfondimento, e capire se la propria idea imprenditoriale può trovare il loro interesse.  Questi incontri, che si svolgeranno anche nel mese di giugno nei locali della succursale di Banca Sella, recentemente rinnovata, permetteranno infatti di capire se e in che modo ci possono essere punti di contatto tra le diverse realtà per innovare i processi e la produzione aziendale.

Un momento degli incontri tra imprese e startup
Un momento degli incontri tra imprese e startup

L’iniziativa «Emilia 4.0 1st Wave Tour», partita lo scorso autunno, si è sviluppata su un percorso di selezione progressivo strutturato in tre fasi: scouting sul territorio a bordo del Barcamper, l’ufficio mobile di dPixel, per incontrare i team e conoscere idee e progetti interessanti nel campo della nuova manifattura; i migliori sono stati poi selezionati e supportati nella realizzazione in un business plan con percorsi di formazione che si sono tenuti in varie città dell’Emilia Romagna; nella fase finale, svoltasi nel mese di marzo, sono state annunciate le 23 startup vincitrici, scelte nel campo della nuova manifattura digitale e dell’industria 4.0 per contaminare con l’innovazione le filiere tradizionali. Quattro gli ambiti distinti in cui sono state individuate le startup: agritech, automazione e robotica, elettromedicale, IoT e sensoristica.

lunedý 28 maggio 2018

NEWS

Leggi il notiziario Sole 24 Ore - Radiocor ╗