• Home
  • Minibond, nuove emissioni per progetti di sviluppo e crescita

Minibond, nuove emissioni per progetti di sviluppo e crescita

La costruzione del sistema Mose, progetto per lo sbarramento mobile della Laguna a difesa delle acque alte
La costruzione del sistema Mose, progetto per lo sbarramento mobile della Laguna a difesa delle acque alte - Stefano Dal Pozzolo / Contrasto

Nuova emissione di minibond assistita da Banca Sella. Dopo le due operazioni di inizio aprile, infatti, la Banca ha assistito Comes S.p.A., società che opera in Italia e in Europa nella pianificazione, costruzione e gestione degli impianti industriali per la parte elettrica ed elettro-strumentale, nell’emissione di un minibond «short» del valore nominale di 1 milione di euro. Le risorse finanziarie raccolte tramite il minibond saranno impiegate nell’ambito di una commessa nazionale, ottenuta da Comes, per lo sviluppo e l’installazione del sistema di controllo e del sistema antintrusione e videosorveglianza del Mose, il sistema concepito per proteggere in modo sicuro Venezia e il suo patrimonio artistico dalle alte maree.

Banca Sella, tramite il servizio Sella Corporate & Investment Banking, ha svolto il ruolo di arranger esclusivo dell’emissione: il prestito obbligazionario, costituito da 10 obbligazioni del valore nominale di € 100.000 ciascuna con scadenza finale il 27 Aprile 2019. Il minibond «short» è stato interamente sottoscritto da Banca Sella e da Confidi Systema!.

I minibond, dunque, continuano a confermarsi uno degli strumenti con cui le piccole e medie imprese italiane si rivolgono al mercato, e in particolare allo strumento del prestito obbligazionario, per finanziare i propri progetti di sviluppo, di investimento e di innovazione, riducendo al tempo stesso la dipendenza dai finanziamenti bancari a breve termine.

A inizio aprile il Gruppo Sella aveva curato le emissioni di Your Voice e Roma Gas & Power con un minibond del valore nominale di un milione di euro ciascuna. Il minibond di Your Voice è stato interamente sottoscritto da Banca Sella, mentre quello di Roma Gas & Power  è stato interamente sottoscritto da Anthilia Capital Partners Sgr, per conto del fondo di investimento Anthilia BIT - Bond Impresa e Territorio e del fondo di investimento Anthilia BIT Parallel Fund.

Queste operazioni seguono quella curata sempre nel 2018 con Nuceria Group, che il Gruppo Sella ha affiancato nell'emissione di due prestiti obbligazionari del valore complessivo di 7 milioni di euro, e portano a dieci il numero complessivo di operazioni realizzate dal Gruppo Sella a partire dal 2015 per conto dei propri clienti.

Secondo quanto riportato nella quarta edizione del Report italiano sui minibond realizzato dalla School of Management del Politecnico di Milano, il valore nominale totale dei minibond è arrivato a superare in 5 anni i 16,9 miliardi di euro, 2,9 miliardi considerando solo le emissioni fatte dalle piccole e medie imprese. Per il solo 2017 ci sono state 170 emissioni, 147 della quali sotto i 50 milioni di euro, per un totale di circa 5,5 miliardi di euro. Dal novembre 2012 alla fine del 2017, il rapporto ha identificato 326 imprese che hanno collocato minibond in Italia, per un totale di 467 emissioni, di cui 398 con importo inferiore ai 50 milioni di euro.

"I minibond - spiega Giacomo Sella, responsabile Corporate Investment Banking & Corporate Developement del Gruppo Sella - rappresentano una forma di finanziamento che può essere particolarmente adatta alle esigenze di sviluppo delle aziende. Il nostro Gruppo è stato uno dei primi ad essersi organizzato per assistere i clienti nell'emissione di minibond e recentemente ha anche avviato un piano volto a rafforzare la propria offerta di servizi di corporate & investment banking. Puntiamo ad essere un riferimento per tutte quelle che intendono reperire direttamente sul mercato le risorse necessarie alla loro crescita per fare fronte alle sfide poste dalla globalizzazione dei mercati e della tecnologia".

Ecco quali sono le principali caratteristiche di questo strumento.

Cosa sono

I minibond sono strumenti di debito a medio-lungo termine. Le caratteristiche della singola emissione vengono fissate all'atto dell'emissione, tenendo in considerazione le esigenze finanziarie e le caratteristiche dell'emittente e le richieste del mercato.

A chi sono rivolti

I minibond sono rivolti a Pmi che hanno progetti di crescita e con un valido business plan che ha bisogno di essere finanziato e che il tradizionale mercato del credito potrebbe  non prendere in considerazione. Possono essere sottoscritti soltanto da clienti istituzionali (banche, fondi, assicurazioni) e da clienti professionali (di diritto o su richiesta). Non possono essere sottoscritti dalla clientela retail.

Se non quotati, non possono essere sottoscritti da soggetti che, direttamente o indirettamente, possiedono più del 2% del capitale aziendale. Come per le altre obbligazioni, il cliente sottoscrittore (investitore) ha diritto al rimborso del capitale, al quale si aggiungono gli interessi a credito, la cui entità viene determinata all'atto della singola emissione.

Mercato di quotazione

I minibond, una volta collocati, vengono scambiati sul mercato secondario ExtraMOT PRO di Borsa Italiana, il mercato degli strumenti di debito delle Pmi.

Il ruolo del Gruppo Sella

Nell'ambito dei servizi di Corporate e Investment Banking, Banca Sella e il servizio di Corporate Investment Banking di Banca Sella Holding si propongono rispettivamente come arranger e come advisor per assistere l'impresa durante tutte le fasi l'operazione di emissione di un minibond dalla valutazione del Piano finanziario, alla strutturazione dell'emissione, fino all'emissione e al collocamento del titolo.

giovedý 26 aprile 2018

NEWS

Leggi il notiziario Sole 24 Ore - Radiocor ╗