Zero Robotics, il contest spaziale premia gli studenti italiani

Home Zero Robotics, il contest spaziale premia gli studenti italiani

Zero Robotics, il contest spaziale premia gli studenti italiani

Le spheres, i micro satelliti realizzati dal Mit e situati all´interno della Stazione Spaziale Internazionale
Le spheres, i micro satelliti realizzati dal Mit e situati all´interno della Stazione Spaziale Internazionale - Rawpixel Ltd - Flickr

Podio tutto italiano per il campionato mondiale di Zero Robotics, la gara organizzata dal Mit e dalla Nasa per studenti che avevano il compito di programmare dei microsatelliti a bordo della Stazione Spaziale Internazionale ISS. Ad aggiudicarsi le prime posizioni sono stati rispettivamente il liceo Avogadro di Vercelli, il Cecioni di Livorno e l'istituto tecnico Righi di Napoli. 

Gli studenti hanno dovuto programmare una missione di recupero di un satellite in avaria, una operazione di pulizia di rottami spaziali da effettuare muovendo, in assenza di gravità, dei micro satelliti chiamati "spheres" (Synchronized Position Hold Engage and Reorient Experimental Satellites) realizzati dal MIT e situati all'interno della ISS. 

All'inizio della competizione, giunta alla sua decima edizione, erano circa 180 le squadre partecipanti, provenienti da scuole superiori di tutto il mondo ma con l'Italia a far la parte del leone con il maggior numero di istituto partecipanti, ben 25. Nell'albo d'oro della manifestazione l'Italia ha sempre ben figurato e le scuole piemontesi, in particolare, si sono distinte con sette team vincitori.
 


mercoledì 6 febbraio 2019