Whatsapp, i primi pagamenti al mondo partono dal Brasile

Home Whatsapp, i primi pagamenti al mondo partono dal Brasile

Whatsapp, i primi pagamenti al mondo partono dal Brasile

È il Brasile il primo Paese a sperimentare i pagamenti via Whatsapp. Lo conferma Mark Zuckerberg: "Stiamo rendendo l'invio e la ricezione di denaro facile come condividere le foto, stiamo anche consentendo alle piccole imprese di effettuare vendite direttamente all'interno di Whatsapp".

"Le persone saranno in grado di inviare denaro in modo sicuro o effettuare un acquisto da un'azienda locale senza uscire dalla chat", spiega la società sul suo blog e "ora, oltre a visualizzare il catalogo di un negozio, i clienti potranno anche inviare pagamenti per i prodotti". Whatsapp precisa che il sistema tiene conto della sicurezza e per impedire transazioni non autorizzate, sarà richiesto un codice personale speciale a sei cifre o un'impronta digitale.

L'invio di denaro o l'acquisto su Whatsapp è gratuito per gli utenti. Le aziende invece pagheranno una commissione, in linea con quanto accade con le transazioni per le carte di credito. I pagamenti avverranno grazie alla piattaforma Facebook Pay, che permette agli utenti di inviare denaro o effettuare un acquisto da un'azienda locale senza uscire dall'applicazione.


giovedì 18 giugno 2020