Turismo spaziale, Virgin Galactic verso la quotazione a Wall Street

Home Turismo spaziale, Virgin Galactic verso la quotazione a Wall Street

Turismo spaziale, Virgin Galactic verso la quotazione a Wall Street

Una fase di test del veicolo di Virgin Galactic
Una fase di test del veicolo di Virgin Galactic - Roderick Eime

Virgin Galactic si appresta a diventare la prima e unica società al mondo di viaggi turistici
spaziali le cui azioni potranno essere scambiate su un mercato regolamentato. La società del miliardario Branson, sulla quale ha investito circa un miliardo di dollari, annuncia infatti l'approdo sul Nyse che avverrà attraverso una fusione con Social Capital Hedosophia, veicolo d'investimento già quotato a Wall Street. L'enterprise value (valore d'impresa) pro-forma di Virgin Galactic, che ha oltre 600 prenotazioni di persone pronte per l'avventura spaziale, è stimato in 1,5 miliardi di dollari.

Richard Branson ha parlato di "nuovo capitolo" per Virgin Galactic che potrà "aprire lo spazio a nuovi investitori e migliaia di nuovi astronauti". Per ora la società ha raccolto prenotazioni da oltre 600 facoltosi aspiranti astronauti disposti a pagare una quota che parte da 250 mila dollari per un viaggio nello spazio in cui sperimentare l'assenza di gravità e ammirare la curvatura della Terra.

Il gruppo di Richard Branson dispone già di una licenza della Faa (Federal aviation authority) per le sua attività, e dispone anche di uno 'Spazioporto' nel New Mexico, che diventerà il suo quartier generale operativo in cui verranno concentrati oltre 100 dipendenti e i suoi veicoli spaziali.

Nell'ambito dell'operazione di quotazione è previsto che il fondatore e ceo di Social Capital Hedosophia, Chamath Palihapitiya, investa ulteriori 100 milioni di dollari e diventi presidente di Virgin Galactic, che sbarcherà in Borsa alla chiusura della fusione, attesa nel secondo semestre del 2019.  
 


mercoledì 10 luglio 2019