All'Aeroporto di Genova si testa il software per il social distancing

Home All'Aeroporto di Genova si testa il software per il social distancing

All'Aeroporto di Genova si testa il software per il social distancing

Chuttersnap / Unsplash

Parte all'aeroporto di Genova un test pilota per la sperimentazione del software sviluppato dall'Istituto Italiano di Tecnologia in grado di monitorare automaticamente il rispetto del distanziamento sociale. Il software si chiama 'Social distancing' ed è in grado di utilizzare le telecamere di sorveglianza per generare una mappa dell'ambiente sfruttando l'intelligenza artificiale e circoscrivere un raggio intorno a tutte le persone presenti, segnalando quando sono troppo vicine.

Il progetto permette di mappare quali siano le aree a maggior rischio assembramento ma anche, in futuro, generare degli avvisi in tempo reale in caso di mancato rispetto del distanziamento.
Il software è stato creato dal gruppo di ricerca PAVIS (acronimo di Pattern Analysis & Computer Vision) dell'Istituto Italiano di Tecnologia che sta ottimizzando il programma grazie anche alla collaborazione diretta del personale dell'aeroporto.

Sempre grazie agli algoritmi di intelligenza artificiale, la privacy di passeggeri e addetti aeroportuali sarà garantita, visto che tutti i video verranno preventivamente anonimizzati grazie a un software che trasforma automaticamente l'immagine umana in sagome bidimensionali rendendo del tutto irriconoscibili le persone riprese.

Questa fase pilota consentirà di collaudare il software sul campo, con immagini dei flussi dei passeggeri ripresi in condizioni operative reali durante le fasi di check-in, spostamento verso i controlli di sicurezza e imbarco.


mercoledì 20 maggio 2020