Ripartire dall'internazionalizzazione: dall'idea dei dipendenti al mercato, Sella lancia Trace per lo sviluppo delle Pmi

Home Ripartire dall'internazionalizzazione: dall'idea dei dipendenti al mercato, Sella lancia Trace per lo sviluppo delle Pmi

Ripartire dall'internazionalizzazione: dall'idea dei dipendenti al mercato, Sella lancia Trace per lo sviluppo delle Pmi

Una veduta aerea di alcuni container nel porto di Amburgo
Una veduta aerea di alcuni container nel porto di Amburgo - REUTERS / Fabian Bimmer

Ripartire dall'internazionalizzazione. Una strada possibile per le Pmi che d'ora in poi diventa più facile da percorrere grazie a un portale innovativo, unico nel suo genere in Italia, che mette a loro disposizione un punto d'accesso a tutti gli strumenti utili a crescere sui mercati internazionali. Si chiama Trace (trace.sella.it) ed è stato lanciato da Banca Sella, nell'ambito delle iniziative per supportare l'economia in questa fase difficile a causa dell'emergenza coronavirus, grazie anche alla partnership con Sace, che con SIMEST costituisce il polo dell'export e dell'internazionalizzazione del Gruppo CDP.


E così, dopo le procedure snelle per le moratorie, il fintech per velocizzare la liquidità alle imprese, l'e-commerce pronto all'uso per i negozi costretti a chiudere e la web collaboration per sedersi intorno a un tavolo virtuale con i clienti come se si fosse fisicamente in banca, Sella mette a punto questa nuova iniziativa per supportare le piccole e medie imprese impegnate a progettare la ripartenza e lo sviluppo futuro. Ma c'è anche una storia nella storia, che racconta il dna stesso di un gruppo da sempre votato all'innovazione (e all'open innovation), allo sviluppo delle idee che nascono al proprio interno, alla contaminazione positiva tra professionalità interne ed esperienze esterne, all'intraprendenza e all'imprenditorialità delle proprie persone. E infatti è stato un team interno, nato intorno a un'idea, a poterci lavorare e avere tempo, mezzi e risorse per arrivare al suo lancio sul mercato.

L'innovation bootcamp 
La nascita di Trace, infatti, si deve a un "innovation bootcamp" che il gruppo Sella ha lanciato tra i propri dipendenti nell'estate del 2018. A quel bootcamp presero parte circa 40 team, per un totale di un centinaio di persone, tra dipendenti e alcune risorse esterne coinvolte in un'ottica di open innovation. Le idee innovative presentate hanno riguardato tutti i principali settori dell'attività bancaria e sono state sottoposte a una prima selezione da parte di una giuria interna, composta dal top management e dagli specialisti in innovazione digitale del gruppo, che ne hanno valutato l'effettiva portata innovativa e la sostenibilità economica, oltre alla solidità del team.  Dopo essere stati supportati da un percorso di mentorship da parte degli specialisti del gruppo i team hanno avuto l'opportunità di proporre la propria iniziativa di innovazione.
Al termine della selezione, Trace è stato uno dei progetti che ha avuto accesso alla successiva fase di sviluppo e incubazione e i componenti dei team selezionati hanno potuto dedicarsi per tre mesi a tempo pieno alla realizzazione di un "proof of concept", vale a dire una versione minima del loro progetto che permettesse di verificare operativamente l'idea. Durante questa fase sono stati messi a disposizione del team spazi di lavoro dedicati, nei quali ha potuto mettere a punto il progetto avvalendosi anche della collaborazione e del supporto degli specialisti in innovazione del gruppo Sella, proprio come avviene per le startup esterne che svolgono periodi di incubazione. Al termine di questo percorso è stata data all'idea di  Trace la possibilità di essere ulteriormente sviluppata, per essere messa sul mercato e a disposizione dei clienti del gruppo e non solo.
 
Cos'è Trace
Trace è un innovativo portale di consulenza dedicato alle piccole e medie imprese, per accompagnarle nella ripresa dell'attività dopo l'emergenza Covid-19 guardando anche ai mercati internazionali e all'import-export. La nuova piattaforma, infatti, aiuta le Pmi a cogliere le opportunità del commercio con l'estero grazie anche alla partnership con Sace che con SIMEST costituisce il Polo dell'export e dell'internazionalizzazione del Gruppo CDP. Si tratta di un servizio innovativo, che offre un punto di accesso unico a strumenti, prodotti, servizi e approfondimenti necessari alle Pmi per ottimizzare i tempi e i costi che devono sostenere per acquisire competitività sui mercati internazionali. L'obiettivo comune è promuovere la diffusione di una formazione e una cultura finanziaria utile per conoscere tutte le opportunità legate al commercio internazionale.
 
Come funziona
Quando accedono a Trace, le aziende devono innanzitutto indicare se hanno necessità di importare o di esportare. Tramite una procedura guidata e l'inserimento di alcune semplici informazioni la piattaforma crea degli scenari ad hoc per le necessità di ogni singola impresa, formulati anche sulla base delle sue conoscenze ed esperienze pregresse nel settore dell'import-export. Gli scenari che vengono elaborati presentano una lista di prodotti e servizi messi a disposizione da Trace che il cliente può utilizzare per la sua espansione e crescita. 
La piattaforma, accessibile all'indirizzo trace.sella.it, mette a disposizione, sia per i clienti di Banca Sella che per i non clienti, un'ampia gamma di servizi e prodotti per il commercio con l'estero come ad esempio il report "Valutazione azienda" che permette di determinare la capacità dei diversi partner commerciali di far fronte ai propri impegni di pagamento, gli aggiornamenti periodici sull'andamento del cambio euro-dollaro e l'offerta dei servizi legati ai sistemi di pagamento esteri e dei finanziamenti proposti da Banca Sella.
Grazie alla partnership con Sace, inoltre, sono a disposizione delle aziende le "schede paese" che individuano, per il Paese selezionato, le maggiori opportunità di business e i principali rischi connessi, una polizza che assicura il rischio di mancato pagamento per commesse estere, finanziamenti agevolati SIMEST per la crescita sui mercati Extra Ue, servizi per il recupero di crediti insoluti e l'accesso al portale Education to Export dedicato alla formazione per imprenditori e manager su tematiche relative a export e internazionalizzazione. Altre partnership sono state siglate con attori economici rilevanti come AICE, IBS Italia, ItaRe e Studio Del Sorbo.


giovedì 7 maggio 2020