L'open banking favorisce l'inclusione finanziaria. Ecco la lezione indiana

Home L'open banking favorisce l'inclusione finanziaria. Ecco la lezione indiana

L'open banking favorisce l'inclusione finanziaria. Ecco la lezione indiana

La sede della Banca dei regolamenti internazionali a Basilea, Svizzera
La sede della Banca dei regolamenti internazionali a Basilea, Svizzera - Bis

Il Sole 24 Ore - Radiocor

La digitalizzazione delle infrastrutture finanziarie, considerate come un bene pubblico, secondo il modello dell'open banking, è la chiave vincente per l'inclusione finanziaria, tema che riguarda nel mondo 1,7 miliardi di individui, in gran parte nei paesi in via di sviluppo, tra i quali 1 miliardo di donne. È questa la "lezione indiana" sotto i riflettori di uno studio della Bri, la Banca dei regolamenti internazionali. 

Un modello quello del paese asiatico, che ha permesso in soli sei anni l'inclusione finanziaria di oltre mezzo miliardo di cittadini. La digitalizzazione della finanza può trasformare l'economia non solo di un paese in via di sviluppo ma anche di uno avanzato valutano gli analisti della Bri. 

L'ingrediente di base della "ricetta" indiana, si legge, è la creazione di un¿identità biometrica digitale per tutti i cittadini, chiave di accesso al sistema bancario. Altra evidenza del caso indiano, è il ruolo di pivot giocato dalla banca centrale, nel ruolo di regolatore, e dalle banche commerciali regolate, nel gestire insieme un sistema dei pagamenti che opera 24 ore su 24, è aperto alla partecipazione di imprese (dalla piccola boutique finanziaria alle Big tech) e fornisce tutti i benefici di rete che forniscono i Big tech con la differenza, rispetto a questi ultimi, che i pagamenti sono regolati in modo istantaneo in valuta sovrana all'interno della banca centrale. 

Il caso indiano si basa su quattro pilastri: 1) l'infrastruttura digitale come bene pubblico, 2) l'incoraggiamento all'iniziativa privata fornendo un accesso aperto all'infrastruttura, 3) la creazione di un terreno di gioco livellato attraverso una cornice di regole e 4) il potere dato ai singoli consumatori di disporre dei propri dati sensibili che possono essere scambiati sull'infrastruttura solo con il loro consenso.
 


lunedì 23 dicembre 2019