Pagamenti, crescono nell'Eurozona le transazioni senza contante

Home Pagamenti, crescono nell'Eurozona le transazioni senza contante

Pagamenti, crescono nell'Eurozona le transazioni senza contante

Un pagamento tramite carta di credito in un negozio di abbigliamento
Un pagamento tramite carta di credito in un negozio di abbigliamento - Benoit DECOUT/REA/contrasto

Il Sole 24 Ore Radiocor 

I pagamenti senza contante crescono nell'Eurozona e in Italia. È la Bce a svelare i dati di consuntivo del 2018 che mostrano 90,7 miliardi di transazioni lo scorso anno con un incremento di quasi l'8% rispetto all'anno precedente nei diciannove paesi che aderiscono alla moneta unica. 

Da Francoforte spiegano che i pagamenti con le carte rappresentano il 46% del totale; a seguire ci sono i bonifici con il 23% del totale dei pagamenti non-cash e gli addebiti diretti che assorbono un'altra fetta di pagamenti pari anch'essa, al 23 per cento. Il numero di carte (debito e credito) con una funzione di pagamento è cresciuto del 4% lo scorso anno e ha raggiunto il ragguardevole livello di 544 milioni di 'pezzi' che considerando la popolazione dell'Eurozona (341 milioni di abitanti) significa 1,6 carte di pagamento per ciascun cittadino europeo.  

Altra evidenza che emerge dalla statistica della Bce è il peso crescente dei pagamenti elettronici rispetto a quelli cartacei: il rapporto tra i primi, che Francoforte definisce 'transazioni avviate elettronicamente' e quelle cartacee, alla fine dello scorso anno era arrivato a 11 a 1. In aumento anche i bonifici nell'Eurozona: +4,7% a 21 miliardi. 

La Bce accende poi un riflettore sui sistemi di pagamento retail presenti nell'Eurozona: sui 23 sistemi monitorati (tra i quali i più diffusi sono Core in Francia e Step2 in Germania) si sono effettuate lo scorso anno circa 44 miliardi di transazioni per un valore complessivo di 34mila miliardi. 

E l'Italia? Dalla statistica Bce emergono percentuali simili a quelle dell'intera area. Per i pagamenti con le carte, in particolare, la crescita dello scorso anno è stata del 12% con oltre 3,17 milioni di pagamenti (2,79 milioni nel 2017). La Bce per l'Italia segnala poi un balzo dei pagamenti in volume con moneta elettronica: da 583 a 739 milioni (+21 per cento). 
Leggermente sotto la media, invece, è il tasso di crescita dei pagamenti con bonifici: +4,2% con 1.450 milioni di transazioni registrate (1.390 milioni l'anno precedente). Forte calo nell'utilizzo degli assegni nel Belpaese: -9,7% lo scorso anno sempre secondo la statistica della Bce.
 


martedì 30 luglio 2019