Dal robot 'artista' alla 'fattoria verticale'. Ecco le migliori innovazioni del 2019

Home Dal robot 'artista' alla 'fattoria verticale'. Ecco le migliori innovazioni del 2019

Dal robot 'artista' alla 'fattoria verticale'. Ecco le migliori innovazioni del 2019

La copertina del Time dedicata alle innovazione del 2019
La copertina del Time dedicata alle innovazione del 2019

L'innovazione sta cambiando le nostre abitudini, sia a casa che al lavoro, il nostro modo di muoverci e di interagire con gli altri - compresi i nostri figli -, la nostra alimentazione e il nostro modo di apprendere. Le tecnologie innovative trovano ormai applicazione in ogni settore e il settimanale americano Time, come da tradizione, ha dedicato una delle sue copertine proprio alle 100 migliori invenzioni del 2019.

Il Time, con questo elenco, vuole mettere in evidenza le invenzioni che rendono il mondo migliore, più intelligente e anche un po' più divertente. Inseriti in differenti categorie come trasporti, style, giochi, educazione, food&drink, accessibilità, i 100 prodotti vengono selezionati per l'originalità, la creatività, l'influenza, l'ambizione e l'efficacia e devono aver già raggiunto un significativo traguardo sul mercato.

Andiamo a scoprire alcune delle invenzioni inserite nella classifica.
 

AeroFarms Indoor. Il quartier generale a Newark è la più grande "vertical farm indoor" al mondo. Con il sistema "verticale" di coltivazione si risparmia fino al 95% di acqua rispetto alle coltivazioni tradizionali e, grazie a una illuminazione a led, i prodotti sono pronti per essere raccolti molti giorni prima.


GeoOrbital. Si tratta di una ruota elettrica che si può applicare facilmente a qualsiasi bicicletta. Il ciclista può controllare la velocità con un acceleratore da applicare al manubrio. La batteria garantisce una autonomia di 20 miglia e si ricarica in tre ore.

The Impossible Burger 2.0. Un hamburger che sembra in tutto e per tutto, gusto compreso, una polpetta di manzo ma che in realtà è realizzata interamente con prodotti a base vegetale. Inventato dalla californiana Impossible Food, contiene la stessa quantità di ferro e di proteine di un tradizionale prodotto a base di proteine animali.

Roybi Robot. Un robottino che si adatta al ritmo di apprendimento dei bambini e offre un catalogo di circa 70mila termini in differenti lingue con 500 lezioni distribuite su 50 categorie in forma di racconti, canzoni, quiz e giochi interattivi. 

B'zT. Abbigliamento e "patches" da attaccare a magliette che consentono di localizzare i bambini tramite un'app e non correre così il rischio di perderli, magari in luoghi affollati come è accaduto al fondatore di questa attività. 
 Osso Vr. Una piattaforma virtuale per esercitarsi nelle operazioni chirurgiche. Il software permette a studenti e medici di avere un'esperienza immersiva come se fossero all'interno di una sala operatoria.

Scribit. Un'idea tutta italiana, dell'architetto Carlo Ratti. Un robot che consente di personalizzare le pareti di casa o dell'ufficio con contenuti digitali visualizzabili in diretta e sempre modificabili. Per far funzionare il robot sono necessari solo due chiodi, una presa elettrica e una connessione al web.

 Adidas Future Craft Loop. È la prima scarpa da corsa completamente riciclabile e che, alla fine del suo ciclo di vita, può essere restituita all'azienda che si occuperà di riutilizzarla per creare nuove scarpe.

 WeWALK Smart Cane. Un bastone per le persone non vedenti che utilizza la tecnologia GPS e sensori ad ultrasuoni. Inoltre, è dotato di un assistente vocale simile a quello degli smart speaker. I sensori di cui è dotato il bastone inviano inoltre vibrazioni alla mano della persona che lo tiene per avvisarla della presenza di ostacoli.

Temi. Un personal robot progettato per essere un compagno o un aiuto in casa o un assistente in ufficio oppure in un'attività commerciale. Provvisto di ruote, alto circa 90 cm, Temi è un robot che impara e quindi in grado di capire le preferenze e gusti, offrendo servizi personalizzati.


giovedì 19 dicembre 2019