La biblioteca in lockdown cataloga 4 mila opuscoli di Quintino Sella

Home La biblioteca in lockdown cataloga 4 mila opuscoli di Quintino Sella

La biblioteca in lockdown cataloga 4 mila opuscoli di Quintino Sella

Alcuni di volumi catalogati
Alcuni di volumi catalogati - Comune di Biella

Finanza pubblica, contabilità dello Stato e pareggio del Bilancio. Parlando di Quintino Sella sono temi d'obbligo, così come l'alpinismo e la montagna. Ma anche un discorso "istorico-critico" sulle streghe, una lezione "sopra i mantelli", considerazioni "sopra un talismano greco-siculo rinvenuto in Termini-Imerese". Sono alcuni dei titoli che si possono trovare tra le migliaia e migliaia di opuscoli che lo statista biellese ha raccolto e che oggi sono uno dei pezzi pregiati del catalogo della Biblioteca civica di Biella. E ora, in tempi di lockdown forzato a causa del coronavirus, con le biblioteche chiuse al pubblico e i servizi sospesi, succede che 4 mila di questi opuscoli, su una infinità di temi e materie, siano stati dettagliatamente catalogati e inseriti nella banca dati del Servizio bibliotecario nazionale

D'ora in poi, dunque, sarà possibile consultare una parte dello sconfinato catalogo della Miscellanea Quintino Sella andando sul sito della Biblioteca e spaziare tra titoli, riproduzioni delle copertine e tutti i dettagli del volumetto, in un viaggio virtuale che abbracciano tutta la cultura della seconda metà dell'Ottocento, specie scientifica.  Ci sono opuscoli, ad esempio, che vanno dallo "schema del naturalismo matematico", alla "storia dell'elettro-chimica", dagli studi "teorico pratici di tecnologia chimica", alle considerazioni "sul lavoro della clorofilla nella vite", dalle relazioni sullo "stato meteorologico" di Genova alla "meteorologia e le montagne", dalla "statistica agraria" all'apicoltura. La miscellanea era stata divisa da Quintino Sella stesso in materie.

Già all'inizio dello scorso anno, in accordo con la Fondazione Sella, era stata avviata una pre-catalogazione con l'obiettivo di quantificare la vera entità e tipologia del fondo, con l'intenzione di procedere successivamente alla schedatura on-line in Sbn. Ora a catalogare l'immenso patrimonio di volumetti - che furono donati alla città di Biella nel 1909 dal figlio di Quintino, Corradino - come detto sono stati i bibliotecari della Biblioteca civica, sfruttando il periodo di chiusura al pubblico. I bibliotecari si sono dedicati in questi mesi ad una catalogazione che non prevede soltanto l'inserimento dei dati essenziali (autori, titoli e argomenti), ma anche la trascrizione delle dediche indirizzate allo statista, le fotografie dei frontespizi o delle carte giudicate rilevanti, le keyword materia per materia e le note esemplare per esemplare.

La rarità di moltissimi opuscoli rende il catalogo del Polo Bibliotecario Biellese molto più ricco ed interessante. Ricercatori o semplici curiosi possono accedere alla catalogazione della collezione effettuando una semplice ricerca su www.polobibliotecario.biella.it digitando "Miscellanea Quintino Sella" nella stringa di ricerca. Per selezionare le singole categorie basterà aggiungerne il nome: Agricoltura, Alpinismo, Archeologia, Belle Arti, Beneficenza, Biografia, Chimica, Discorsi, Economia e così via. 

Ad oggi sono state inserite le materie fino a Inaugurazioni e feste. Il fondo, infatti, conta più di 14 mila opuscoli rilegati in 682 volumi, e la catalogazione proseguirà anche in futuro.  


lunedì 18 maggio 2020