Intelligenza artificiale e blockchain al servizio del risparmio

Home Intelligenza artificiale e blockchain al servizio del risparmio

Intelligenza artificiale e blockchain al servizio del risparmio

La sede della Consob a Roma
La sede della Consob a Roma - Paolo Tre/A3/Contrasto

Il Sole 24 Ore - Radiocor

L'innovazione finanziaria, il fintech e l'intelligenza artificiale, sono una nuova frontiera che in pochi nel mondo hanno già raggiunto. Il nuovo presidente della Consob, Paolo Savona, economista classe 1936, ha sorpreso la comunità finanziaria italiana per la sua conoscenza e passione per il fintech, una nuova sfida che l'Italia non può perdere.

I più devono ancora percorrere il tratto che li divide da questa nuova frontiera "e l'Italia è tra questi" ha indicato nel suo primo incontro con il mercato. Per Savona i ritardi nel varo di normative volte ad accrescere la micro diffusione del fintech, i cosiddetti sandbox, ossia incubatori per lo sviluppo protetto delle nuove applicazioni finanziarie, sono un indicatore delle difficoltà del legislatore a comprendere l'importanza di queste innovazioni. Le nuove tecnologie servono sia a far funzionare bene il mercato sia a proteggere il risparmio degli italiani "punto di forza della società italiana elevato a valore costituzionale".

Secondo l'economista va sgombrato il terreno dalle accuse infondate secondo le quali con gli algoritmi basati sull'intelligenza artificiale si possa speculare in Borsa. Per il presidente della Consob, invece, si tratta di "protocolli basati su linguaggi matematici avanzati dove l'intelligenza umana conta nello stabilire la procedura di analisi delle informazioni disponibili (i big data) ma svolge un ruolo neutrale all'atto delle decisioni di investimento. Questi algoritmi, se ben congegnati, consentono anche processi di apprendimento degli errori che la mente umana non sarebbe capace di individuare e correggere senza l'ausilio delle enormi possibilità di elaborazione dei computer che imparano (le learnig machine)". Con la conseguenza che può migliorare il rapporto rischio-rendimento. Savona ha poi messo in luce i vantaggi della blockchain sottolineando che l'uso di un regime contabile criptato "impenetrabile" andrebbe ampliato per garantire la trasparenza e l'inalterabilità del possesso e delle operazioni finanziarie. Secondo il neo presidente della Consob si tratta di "un corredo indispensabile per garantire che la conoscenza delle scelte effettuate resti a disposizione degli investitori e delle Autorità di controllo che avrebbero la possibilità di un rendiconto inalterabile".

Attenzione invece alle criptovalute "l'ideale sarebbe che l'uso di questo strumento diventi monopolio pubblico" ha affermato Savona solo poche ore prima l'annuncio della nascita di Libra da parte di Facebook.
 


giovedì 20 giugno 2019