Intelligenza artificiale, Reuters testa i video con tecnologia deepfake

Home Intelligenza artificiale, Reuters testa i video con tecnologia deepfake

Intelligenza artificiale, Reuters testa i video con tecnologia deepfake

Un esperimento di video deepfake
Un esperimento di video deepfake

Reuters studia notiziari video in tempo reale i cui conduttori non sono reali, ma creati da una tecnologia in stile deepfake, cioè quella dei video falsi usati sul web a scopo ingannevole. Per il progetto l'agenzia di stampa sta collaborando con la start up Synthesia, che si occupa di Intelligenza artificiale.

Il progetto per il momento è ancora in una fase di test e prende in tempo reale i dati dei punteggi delle partite di calcio e genera notizie complete di immagini. Synthesia e Reuters utilizzano una rete neurale simile a quella dei deepfake e, basandosi su filmati preregistrati, trasformano il testo in un video con un conduttore non reale.

"Reuters è da tempo in prima linea nell'esplorare il potenziale di nuove tecnologie per fornire notizie e informazioni. Questo prototipo ci sta aiutando a capire come l'intelligenza artificiale e i media si possono combinare per un nuovo tipo di prodotti", spiega al sito TheNextWeb Nick Cohen, capo dei prodotti e dei nuovi servizi di Reuters. Ma le applicazioni di questa tecnologia potrebbero essere enormi e non coprire solo il mondo dei media ma anche quello dei servizi video di aeroporti o stazioni che servono a dare informazioni o aggiornamenti.

L¿attenzione di Reuters a questo tipo di tecnologia è molto forte. Poche settimane fa, infatti, si è alleata con Facebook per creare un corso online che individui i deepfake. Il corso dura 45 minuti ed è concepito per dare ai giornalisti gli strumenti necessari per individuare ed evitare foto, video e audio falsi. A sua volta il social network di proprietà di Mark Zuckerberg, è entrato in una coalizione composta da diverse aziende e università che si chiama Deepfake Detection Challenge e si è impegnata ad investire 10 milioni di dollari per creare video con ricercatori che spiegano come individuare i video contraffatti.


mercoledì 12 febbraio 2020