Innovazione e nuovi servizi per la consulenza indipendente

Home Innovazione e nuovi servizi per la consulenza indipendente

Innovazione e nuovi servizi per la consulenza indipendente

Helloquence / Unsplash

Il mondo della consulenza evolve, così come evolvono le modalità di interazione con il cliente, le tecnologie a disposizione e il quadro normativo. Una delle novità più importanti, proprio a livello normativo, è stata l'introduzione del nuovo Organismo dei Consulenti Finanziari (Ocf) che assume una nuova conformazione con tre diversi sezioni dell'Albo: i consulenti abilitati all'offerta fuori sede (gli ex promotori finanziari), le società di consulenza finanziaria e i consulenti finanziari indipendenti. Queste due ultime figure non lavorano per alcun intermediario e sono pagati a parcella solo dai clienti come qualsiasi altro professionista.

Banca Sella, per gli investitori che vogliono avvalersi del supporto della consulenza indipendente, ha lanciato una nuova offerta che permette a consulenti e clienti di interagire direttamente in modo semplice e immediato tramite un conto corrente dedicato e specifiche soluzioni tecnologiche messe a disposizione dalla banca. 

Per i clienti che si vogliono avvalere dei suggerimenti di un consulente indipendente, infatti, è stato realizzato un nuovo conto corrente ad hoc, il "Conto Consulenza Indipendente", comprendente anche un conto custodia titoli, che può essere aperto totalmente online da pc, smartphone e tablet. Il nuovo conto permette ai clienti di interagire con il proprio consulente e con la banca in maniera più efficiente e veloce, evitando di dover comunicare periodicamente al consulente il proprio portafoglio e di dover eseguire manualmente le raccomandazioni di investimento. All'apertura del conto verrà richiesto di inserire anche il codice personale del proprio consulente indipendente che è stato fornito dalla banca ai professionisti accreditati. 
Banca Sella mette a loro disposizione una piattaforma web gratuita o la possibilità di stabilire una connessione server-to-server tramite le Api (Application Programming Interface). Grazie a queste due soluzioni i consulenti indipendenti possono consultare in tempo reale il portafoglio del cliente e lo stato dei suoi ordini. 

A quel punto sarà possibile per il consulente inserire le proprie proposte di investimento e inviarle alla banca che, a sua volta, provvederà alla precompilazione automatica degli ordini. Il cliente potrà eseguire o meno le raccomandazioni ricevute, semplicemente accedendo con i codici personali al proprio internet banking.


lunedì 28 ottobre 2019