Google, ecco il piano per trasformare Toronto in una smart city

Home Google, ecco il piano per trasformare Toronto in una smart city

Google, ecco il piano per trasformare Toronto in una smart city

Lo skyline di Toronto visto dal Lago Ontario
Lo skyline di Toronto visto dal Lago Ontario - Frank Heuer / laif

Google ha presentato il suo piano per trasformare parte di Toronto in una città del futuro. La divisione di Mountain View che si occupa dello sviluppo urbano intelligente, Sidewalk, ha proposto investimenti per 980 milioni di dollari per trasformare l'area di Toronto che si affaccia sul lago Ontario in una smart city a tutti gli effetti. Il tutto da raggiungere grazie all'installazione di semafori intelligenti, marciapiedi dinamici, piste ciclabili e pavimenti esterni riscaldati contro le rigide temperature invernali che caratterizzano la città canadese.

Bloomberg riporta che la prima fase di lavori potrebbe già essere avviata nel 2022, ma i tempi dipenderanno anche dalle approvazioni necessarie da parte delle autorità locali e del governo canadese. Un processo che potrebbe non essere breve né facile perché il progetto richiede una radicale revisione delle norma attualmente vigenti e un nuovo contesto regolamentare per la gestione delle nuove tecnologie.

Uno dei nodi da sciogliere è quello del trattamento dei dati personali anche se Google ha ribadito che non li venderà, non li userà per la pubblicità e non li offrirà a terzi senza esplicito consenso del governo. Google aveva scelto Toronto per diventare la sua città digitale nel 2017, anno in cui ha ricevuto anche il via libera delle autorità al progetto.

Il costo totale del progetto è di circa 3 miliardi di dollari e ha richiesto 18 mesi per la progettazione ed è contenuto in un dossier da 1524 pagine. L'impatto sull'occupazione si può quantificare in 44.000 posti di lavoro diretti (e 93.000 posti di lavoro totali) entro il 2040 e un indotto di circa 14,2 miliardi di dollari di Pil a partire dal 2040 e circa 4,3 miliardi di dollari di entrate fiscali annuali (federali, provinciali e comunali) sempre entro il 2040.
 


mercoledì 26 giugno 2019