Crescono gli acquisti on line <br> E nascono nuovi modi di pagare

Home Crescono gli acquisti on line
E nascono nuovi modi di pagare

Crescono gli acquisti on line
E nascono nuovi modi di pagare

Una ragazza mentre naviga su un sito di e-commerce di abbigliamento
Una ragazza mentre naviga su un sito di e-commerce di abbigliamento - Michel Gaillard / REA / Contrasto

Fare shopping? Passeggiare tra le vetrine per rifarsi gli occhi con gli oggetti dei desideri, entrare nei negozi per toccarli con mano e magari scovare quell'offerta che si attendeva da tempo, resta una delle attività preferite per molti. Ma altrettanto lo è diventata la ricerca e l'acquisto on line, anche e soprattutto oltre confine. Basti dire che il fenomeno e-commerce a livello mondiale nell'ultimo anno ha registrato una crescita del 12%, con un ruolo di traino importante dell'area Asia-Pacifico (dove il valore del mercato dell'e-commerce è stato di 1.892 miliardi di dollari, su 2.875 complessivi a livello mondiale, e si stima che quest'anno aumenterà ulteriormente).
Il trend naturalmente è lo stesso anche in Europa (per un valore di 313 miliardi di euro contro i 285 dell'anno precedente) e in Italia (dove il report "E-commerce in Italia 2019" di Casaleggio Associati ha calcolato un fatturato complessivo di 41,5 miliardi di euro, con un incremento del 18% rispetto all'anno precedente). 

A trainare la crescita non è solo il generale cambio di abitudini innescato dalla rivoluzione digitale, ormai consolidato, ma sta aiutando anche la sempre maggiore diffusione di strumenti e soluzioni che rendono facile e agevole fare un pagamento on line. In Italia, ad esempio, si utilizza molto di più lo smartphone per fare acquisti online (ben l'85% usa il canale mobile per lo shopping) rispetto al resto d'Europa, dove sono ancora numerosi quelli che preferiscono farlo seduti davanti ad un computer. 

Un fenomeno, questo, evidenziato anche dall'Osservatorio Mobile Payment & Commerce della School of Management del Politecnico di Milano, secondo cui il valore degli acquisti online tramite sito per smartphone o app (il cosiddetto mobile remote commerce) è cresciuto in Italia nel 2018 del 40% per un totale di 8,4 miliardi di euro. I maggiori acquisti via mobile si registrano principalmente nella vendita di prodotti legati al settore dell'abbigliamento e del cibo, mentre a trainare i servizi sono i settori del turismo e delle assicurazioni. Quanto alle modalità di pagamento, invece, se i digital wallet su smartphone sono prediletti dal 53% degli italiani, un 40% preferisce pagare con carte di credito, carte prepagate o virtuali, mentre perdono terreno soluzioni come i bonifici o voucher e gift card.

Tra i nuovi sistemi di pagamento online recentemente è arrivata anche la soluzione europea di MyBank, gestita e sviluppata da Preta, società di proprietà di Eba Clearing, che consente a consumatori, imprese e anche alla pubblica amministrazione di emettere e ricevere pagamenti online usando gli accessi abituali del servizio di home o mobile banking della propria banca, senza dover condividere dati sensibili con terze parti.

E proprio MyBank ha lanciato un'ulteriore novità per semplificare sempre di più la vita di chi fa shopping online. È stato infatti esteso il servizio integrando anche i pagamenti mediante link, Qr Code e Sms. Una novità importante, perché permette alle attività commerciali di poter accettare pagamenti anche se non hanno a disposizione un sito di e-commerce. 

Al momento il servizio è offerto solo ai clienti di alcune banche italiane, tra cui Banca Sella. Il funzionamento del nuovo sistema è semplice: il creditore imposta l'importo e l'oggetto del pagamento nel suo spazio personale attivato tramite la banca e genera un link o un Qr code che potrà essere inviato via email, sms oppure Whatsapp. L'acquirente, cliccando sul link o sul messaggio ricevuto, verrà quindi reindirizzato a una pagina dove completare il pagamento.
In particolare la soluzione di Banca Sella si chiama Pay By Link. Grazie a questo strumento per l'esercente sarà possibile concludere le transazioni direttamente su proprio device, tramite un Qr Code da far inquadrare al cliente, oppure inviando un link all'indirizzo mail dell'acquirente che potrà concludere l'operazione nelle successive 48 ore scegliendo la soluzione che più preferisce. Il servizio è pensato per supportare le Pmi e la piccola imprenditoria, ed è conforme alla normativa PSD2.
 


giovedì 9 maggio 2019