Banca dei Regolamenti Internazionali: in crescita l'e-commerce e i pagamenti contactless

Home Banca dei Regolamenti Internazionali: in crescita l'e-commerce e i pagamenti contactless

Banca dei Regolamenti Internazionali: in crescita l'e-commerce e i pagamenti contactless

La sede della Banca dei Regolamenti Internazionali a Basilea
La sede della Banca dei Regolamenti Internazionali a Basilea - Reuters / Arnd Wiegmann

Il Sole 24 Ore - Radiocor

La pandemia ha dato una forte spinta ai pagamenti digitali. Dati nuovi arrivano dalla Relazione annuale della Bri, la Banca dei regolamenti internazionali, comunemente nota come la "Banca centrale delle Banche centrali". Tra settembre e marzo, rende noto, la pandemia ha dato un forte impulso ai pagamenti contactless: dal 27 al 33% delle transazioni effettuate con le carte. Altri fenomeni sono stati il balzo dell'e-commerce per effetto della chiusura dei negozi fisici, il calo delle transazioni trasfrontaliere (il maggiore operatore mondiale delle carte di credito ha segnalato a marzo un calo del 19% rispetto allo stesso mese del 2019) e una prevista riduzione del 20% delle rimesse dei migranti. Altro fenomeno registrato è stato l'accumulo di contante a scopo precauzionale, classifica in cui spicca il caso italiano, come emerge da un grafico contenuto nella Relazione Bri, anche se l'utilizzo del contante nelle transazioni quotidiane si è, in generale, nettamente ridotto anche per i timori legati ad una possibile diffusione del virus con le banconote. 

E' in questo contesto che la Bri incoraggia le banche centrali ad adattarsi alla sfida dei pagamenti digitali anche accelerando i lavori in corso che potranno portare alla nascita delle valute digitali delle banche centrali, come l'euro digitale, che vanno considerati, osserva l'istituzione che a sede a Basilea, come un mezzo di pagamento supplementare. La Bri ha attivato un innovation Hub per mettere a fattor comune le idee migliori sulle valute digitali delle banche centrali. I temi che si stanno affrontando riguardano la maggiore efficienza, l'integrazione transfrontaliera, la sicurezza, l'inclusione finanziaria, e l'innovazione.

La Bri ricorda che le banche centrali, nel loro operare come infrastrutture pubbliche, promuovono l'interoperabilità e la concorrenza, elementi chiave per servizi di pagamento accessibili, a basso costo e di alta qualità. La Banca centrale delle banche centrali ricorda che i pagamenti digitali non sono accessibili a tutti. Nel mondo, indica la relazione annuale, ci sono 1,7 miliardi di individui e centinaia di milioni di imprese che hanno solo il contante come mezzo di pagamento. Anche nelle economie avanzate alcuni gruppi non hanno accesso a conti bancari e alle opzioni di pagamento associate: circa metà delle famiglie ispaniche e nere statunitensi sono non bancarizzate o sottobancarizzate. Nell'eurozona, inoltre, il 10% delle famiglie a basso reddito sono non bancarizzate. In molti mercati emergenti meno della metà delle imprese ha un conto bancario. La mancanza di accesso a servizi di pagamento formali, quali il pagamento di fornitori e addetti, impedisce alle imprese di accedere ad altri servizi essenziali come il credito.


lunedì 29 giugno 2020