Bottiglie d'artista in mostra contro la violenza sulle donne - Bottiglie d'artista in mostra contro la violenza sulle donne

Home Bottiglie d'artista in mostra contro la violenza sulle donne

Bottiglie d'artista in mostra contro la violenza sulle donne

Il Chiostro di San Sebastiano a Biella, sede del Museo del Territorio Biellese
Il Chiostro di San Sebastiano a Biella, sede del Museo del Territorio Biellese

Una mostra itinerante che parte da Biella e farà tappa per un anno in diverse città Italiane per le Bottiglie d´artista, le sculture dalle artiste torinesi Matilde Domestico e Luisa Valentini. Le due opere - Oggetto domestico e Spirito e bellezza - altre due metri e mezzo, sono state realizzate nel 2013 grazie all´Associazione Culturale Cre(at)ive. L´anno seguente, in occasione della Giornata Internazionale contro la violenza sulle donne, le sculture sono state acquistate da Banca Patrimoni Sella & C. per contribuire alla raccolta fondi per l´associazione onlus "One More Life".
Dopo essere state esposte a Palazzo Bricherasio di Torino, sede della banca specializzata nella gestione dei patrimoni del Gruppo Sella, le due opere intraprenderanno ora un viaggio attraverso l´Italia per proporre un momento di riflessione anche su questi temi attraverso il linguaggio dell´arte.
Dal 25 novembre al 17 febbraio 2019 saranno esposte davanti all´ingresso del Museo del Territorio Biellese, negli spazi storici del Chiostro di San Sebastiano a Biella. Poi sarà la volta di diverse altre città italiane, per tutto l´anno, fino al 25 novembre del 2019 quando le sculture torneranno a Palazzo Bricherasio, sempre in occasione della Giornata internazionale per l´eliminazione della violenza contro le donne, a vent´anni esatti dalla ricorrenza istituita dall´Assemblea generale delle Nazioni Unite.
"Quella che leggiamo su queste bottiglie - ha spiegato Marisa Vescovo nel catalogo della mostra del 2013 - è una verità obliqua, mitica, che si mostra confusa al dipanarsi delle storie, con le immagini del rimpianto, del dolore, della felicità, dello stupore. Le nostre artiste sanno che fragilità, caducità, leggerezza, trasparenza, enigma, magia combinatoria, sono in fondo il segno di una bellezza contemporanea".


mercoledì 21 novembre 2018