Visita ai palazzi storici delle banche. A Torino c'è Palazzo Bricherasio

Home Visita ai palazzi storici delle banche. A Torino c'è Palazzo Bricherasio

Visita ai palazzi storici delle banche. A Torino c'è Palazzo Bricherasio

Una veduta dell´esterno di Palazzo Bricherasio
Una veduta dell´esterno di Palazzo Bricherasio - Alessandra Chemollo

Palazzo Bricherasio aperto al pubblico, con visite guidate in italiano e in inglese. Sabato 5 ottobre, dalle 10,00 alle 14,00 con ingresso gratuito, torinesi e turisti potranno ammirare lo storico palazzo che oggi è sede di Banca Patrimoni Sella & C., la banca del gruppo Sella specializzata nella gestione e amministrazione dei patrimoni. La Banca, infatti, ha aderito con Palazzo Bricherasio alla diciottesima edizione di "Invito a Palazzo", la manifestazione promossa dall'ABI che ogni anno mette in mostra opere d'arte e capolavori conservati nelle sedi storiche e moderne delle banche, delle fondazioni di origine bancaria e della Banca d'Italia.

Costruito nel 1636, Palazzo Bricherasio è stato di proprietà di importanti famiglie torinesi che negli anni hanno apportato importanti opere di ristrutturazione. A metà dell'Ottocento fu acquistato da Luigi Cacherano di Bricherasio e, alla sua morte, passò in eredità ai figli Sofia ed Emanuele, che furono promotori di importanti iniziative di cui le sale storiche furono testimoni. Il 1° luglio del 1899, all'interno del Palazzo, venne raggiunto l'accordo per l'atto costitutivo della Fabbrica Italiana Automobili Torino, evento raffigurato in un dipinto del pittore biellese Lorenzo Delleani, di cui una copia è ancora oggi esposta e visibile nella sala. Negli anni Novanta nacque la Fondazione Palazzo Bricherasio, per promuovere eventi culturali e l'organizzazione di mostre d'arte moderna e contemporanea. Dopo un periodo di chiusura al pubblico dal 2010 il palazzo è sede di Banca Patrimoni Sella & C., che ha promosso un ulteriore restauro del complesso, volto alla definitiva valorizzazione e conservazione degli ambienti storici e alla razionale utilizzazione degli spazi da destinare alle attività della Banca. 

Un dettaglio dello scalone di ingresso - Alessandra Chemollo

Durante la giornata di "Invito a Palazzo" le visite guidate riguarderanno in particolare le sale storiche del primo piano, affrescate e decorate, lo scalone d'onore e il cortile interno. Alla manifestazione di quest'anno partecipano 100 palazzi, tra cui la sede centrale della Banca d'Italia a Roma (Palazzo Koch), 70 di 24 banche, e 30 di 30 fondazioni di origine bancaria in 62
città su tutto il territorio nazionale.


giovedì 3 ottobre 2019